Presentazioni: il primo fratello minore

24oct9_kid_mullet_xlarge

 

La Perdigiorno ha una famiglia che sembra quella di una sit-com.

E’ circondata da personaggi particolari, ognuno ha la sua, sembra uscito da un fumetto, e si esprime primariamente attraverso annessi suoni onomatopeici tipo “smab, badabum, pem”. Ogni giorno ne succede una, episodi tragicomici che danno sapore all’esistenza, che sarebbero accompagnati nel telefilm di cui sopra, con le classiche risatine finte nel momento clou.

Oggi parliamo del fratellastro di mezzo, il secondo per capirci, lei è la più grande. Suo fratello ha 13 anni, ma è più alto di lei. Pesa 87 kg, cioè è un bove, non un ragazzino. Hanno lo stesso padre, mentre sua madre è una “signora” straniera, la quale, forte della sua cultura e delle sue due lauree, è arrivata in Italia a tentare di sbarcare il lunario nell’unico modo in cui una donna della sua levatura avrebbe potuto: cercando un uomo da cui farsi mantenere negli agi in cambio di rapporti sessuali. Per capirci, una stronza. La perdigiorno non la può vedere, in effetti non si vedono mai, e se proprio capita ci si limita ad un glaciale saluto accompagnato da un fittizio sorriso.

Il fratello è fastidioso. E’ viziato, impiccione, esagitato, egocentrico, permaloso, e pure bugiardo. Sta sempre in mezzo, si fa sempre gli affari che non lo riguardano, quello che gli dici lo sanno tutti nell’arco di un quarto d’ora, se stai parlando con qualcuno di una cosa seria, spunterà da dietro, d’improvviso, senza che tu te ne accorga, e subito ti chiederà: “Cosa??” Se stai uscendo poi, non c’è scampo: “Dove vai? Con chi? A che ora torni? Mi porti?” E’ un disadattato e ha amichetti disadattati quanto lui, con cui passa su Facebook, Twitter e su App varie scaricate per il suo Iphone, Ipad, Mac e Kindle, buona parte del suo tempo. Ha una fidanzatina che lo ossessiona, lo chiama da altri numeri che lui presumibilmente non dovrebbe conoscere, per fare in modo che risponda, ma lui le attacca il telefono in faccia.

Si comporta come un adulto, ogni volta che parla di denaro, perché come un adulto è stato trattato in questo senso. Di ogni oggettino presente in casa, o fuori, prevalentemente nei negozi di elettronica, conosce il prezzo in euro, compresi i centesimi. Lo sport preferito è chiedere: roba, soldi, fili elettrici per costruire strani circuiti tra amplificatori, stereo e casse varie, altra roba, altra roba ancora. Qualsiasi cosa esista, se non vi serve ed è estremamente superflua, lui probabilmente la possiede, o si sta prodigando per possederla. Non sa fare i più semplici calcoli matematici, legge a malapena, ma in compenso guida ogni mezzo di trasporto: bicicletta, triciclo, quad, gommone, pattino, moto, macchina.

Capisce sempre tutto lui, sempre meglio di voi, non vi azzardate a replicare. E’ sveglio, è fuor di dubbio. Forse è un genio, perché solo i geni sono così fuori dalla regola della normalità. E forse in fondo, ha solo bisogno di tanti, tanti baci, perché nella sua vita si è sentito rifiutato talmente tante volte, che forse tutta questa continua richiesta di attenzioni, gliela possiamo anche perdonare.

Annunci